FESTIVAL

Salso Summer Class & Festival 2021

“La concreta attenzione nei confronti delle nuove generazioni, da non intendere come un’operazione di facciata, bensì come un progetto culturale reale autentico, è il centro della manifestazione. Giovani promesse che affiancano artisti già affermati: questo è uno scopo importante, in un momento non facile di disillusione e di negatività per le nuove leve.

E’ il momento di investire nei giovani, anziché tarpare loro le ali.

Carlo D’Alessandro CapriceDirettore artistico Accademia I Musici di Parma

“In Italia, la formazione musicale accademica di uno strumentista, nei Conservatori e nelle Scuole statali di musica pareggiate, si fonda su diversi anni di studio e lunghe ore di esercitazione. Relativamente poche, se non nulle, sono, invece, le occasioni, di fare musica “per davvero”: di comunicare, cioè, in un contesto concertistico con il pubblico, oltre che con gli altri musicisti, con tutta l’emozione e la tensione che quest’attività senza eguali comporta. Sulla base di questa riflessione, nel 2008 nasce il Sebino Summer Class, un seminario estivo sul Lago d’Iseo di perfezionamento strumentale (per violino, viola, violoncello, fagotto, oboe, flauto, clarinetto, tromba, saxofono), canto e direzione d’orchestra, che si distingue subito nel panorama dell’offerta formativa per la sua capacità di coniugare l’attività didattica con quella formativa e con l’emozionante esperienza concertistica.

“Un valore aggiunto derivante dalla preziosa competenza in quest’ambito dei suoi fondatori, i membri dell’ensemble orchestrale I Musici di Parma. Da quella prima edizione, il Sebino Summer Class si è poi evoluto in una manifestazione organica e completa, con l’istituzione dell’annesso Festival, della durata di più di due mesi, che oggi si attesta tra le manifestazioni musicali più interessanti del cartellone estivo italiano, grazie alla presenza di artisti di fama internazionale e alla rara bellezza dei luoghi in cui si tiene.”

“Nel 2010, I Musici inaugurano l’omonima Accademia di alto di perfezionamento, dalla stessa impostazione e finalità, rivolgendosi nel corso di questi anni, con crescente successo, a tutti quei giovani musicisti italiani e stranieri che intendano usufruire di un'opportunità di formazione altamente specializzata, con lo scopo di rendere le proprie competenze tecniche e musicali idonee ad affrontare la professione concertistica a tutto tondo, nella convinzione che solo una completa preparazione renda liberi di scegliere il proprio percorso, a seconda delle proprie inclinazioni e possibilità.”

I Musici di Parma sono stati sin da subito affiancati da musicisti di chiara fama.

L’Accademia annuale e i corsi estivi de I Musici di Parma rappresentano oggi, per giovani strumentisti, cantanti e direttori d’orchestra, una possibilità unica nel suo genere in Europa per perfezionarsi con personalità provenienti dalle più prestigiose realtà musicali internazionali, alla luce di un approccio integrato tra momento didattico ed esperienza sul palcoscenico, nel contesto di un vero e proprio Festival musicale.”

ORCHESTRA I MUSICI DI PARMA

Formatasi nella primavera del 2002 dall’unione di musicisti che collaborano con le più importanti orchestre italiane ed estere, l’Orchestra I Musici di Parma nasce con il duplice intento di riscoprire opere inedite e di divulgare capolavori d’ogni tempo.

In formazione cameristica o sinfonica, affronta un ampio repertorio che va dal barocco al classicismo, fino alle più belle pagine della musica del Novecento. Una particolare attenzione è dedicata al melodramma italiano e alle arie e romanze dell’opera lirica internazionale.

I Musici di Parma hanno accompagnato musicisti e cantanti di fama internazionale come Christoph Hartmann, Andrea Oliva, Mario Brunello, Enrico Bronzi, Giovanni Gnocchi, Marco Zoni, Enrico Fagone, Simonide Braconi, Stefano Pagliani, Francesco Manara, Francesco De Angelis, Yulia Berinskaya, Klaidi Sahatçi, Andrea Lucchi, Fabrizio Bosso, Simone Zanchini, Emanuele Arciuli, Federico Mondelci, Mario Marzi, Renato Bruson, Cinzia Forte, Daria Masiero, Katia Pellegrino, Katia Ricciarelli, Chiara Taigi, Carlo Colombara, Francesco Meli, Vladimir Stoyanov.

L’Orchestra si è distinta nel panorama musicale europeo per l’originalità dei programmi e per la qualità delle esecuzioni, riscuotendo consensi di pubblico e di critica. I Musici si sono esibiti in importanti teatri, sale da concerto, festival, in Italia e all’estero. Tra questi il “Festival Galuppi” di Venezia, il Festival “G. Cantelli” di Novara, il “Festival Amfiteatrof” di Levanto, al KKL di Lucerna, alla Martinskirche di Basilea, al Teatro Arcimboldi di Milano, dove si sono esibiti con la cantante Lu Wei, diretti da M° Lu Jia, in occasione del 40° anniversario delle relazioni fra Italia e Cina; un concerto trasmesso in più di 50 nazioni in tutto il mondo.

I Musici di Parma organizzano a Salsomaggiore Terme (PR), città nella quale risiedono presso il prestigioso Palazzo Berzieri, il Salso Summer Class & Festival e la rassegna Musica alle Terme.

Incidono per le etichette Concerto e da Vinci Classics. Il cd inciso con la partecipazione di Enrico Bronzi, interamente dedicato a Nino Rota, è stato segnalato in numerose riviste e periodici di settore (cinque stelle della critica su Amadeus e Classic Voice).

IL FESTIVAL

SALSO SUMMER
CLASS & FESTIVAL 2021

Il Festival estivo de I Musici di Parma, il Salso Summer Class & Festival, celebra quest'anno la sua XI edizione. L’Appuntamento con la grande musica classica che si svolge ogni anno dal 02 luglio all' 11 agosto a Salsomaggiore Terme, città con la quale ha costruito un rapporto profondo e sincero, combina Concerti a recital, aperitivi in musica ad eventi open air. Un festival che unisce concerti di grandi interpreti internazionali (artisti affermati a livello internazionale e prime parti delle più celebri orchestre, tra le quali Berliner Philharmoniker, Teatro alla Scala, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra della Svizzera Italiana) e giovani musicisti, talenti impegnati nelle Masterclass estive, organizzate da I Musici di Parma proprio nei giorni del festival.

Organizzato da I Musici di Parma, in collaborazione con l'Amministrazione Comunale, il SSC&F offre, anno dopo anno, una proposta musicale di altissimo livello capace di trasformare terme, piazze, palazzi, teatri e castelli di Salsomaggiore Terme in un prezioso e vivace laboratorio in musica permanente.

FESTIVAL

Dal 2 luglio all’11 agosto

La Musica, un tema senza fine…

IL SUONO NELLA BELLEZZA

“Abbiamo scelto di dedicare il nostro progetto alla “Bellezza”. La Bellezza intesa come “qualità di ciò che appare o è ritenuto bello ai sensi e all'anima”. Ergo, la Musica è Bellezza.”

Carlo D’Alessandro CapriceDirettore Artistico I Musici di Parma

“Crediamo nella forza della Bellezza della Musica. Nel suo potere di risvegliare, di liberare, di guarire. Crediamo nella potente vibrazione di una nota, congiunta a tutte le altre, in una danza di infinite possibilità. Crediamo nell’infinito che si diffonde nello spazio di una stanza, nell’ispirazione che guida il genio fino alla manifestazione.

Crediamo alla possibilità di arrivare laddove il cuore ha sete. Dove l’anima ha bisogno di espandersi. Di aprirsi nuovamente al sogno, al possibile, all’eterno.”

Carlo D’Alessandro CapriceDirettore Artistico I Musici di Parma

“Crediamo alla bellezza come una porta che apre nuove dimensioni.
Che conduce in profondità, tra le prigioni del cuore, dove libera e salva.
E dove lo spirito si fa materia per essere percepito dall’orecchio, dagli occhi, dalle mani.
Infinito pensiero che non è pensiero.
Che è vibrazione, che è musica, che è vita.

Crediamo nella Bellezza dei luoghi in cui possiamo fare Musica.
Crediamo nelle emozioni che suscita la Bellezza dei nostri allievi, il talento dei giovani.””

Carlo D’Alessandro CapriceDirettore Artistico I Musici di Parma

LUGLIO

Venerdì 2 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi

Viale G.Romagnosi n.7
ore 18,00

Anteprima SSC&F 2021

Andrea Lucchi e i suoi allievi

Giovedì 8 luglio

Salsomaggiore Terme (PR),
Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi,
Viale G. Romagnosi n. 7,
ore 21,15

Suoni di bellezza

I Musici di Parma
con gli allievi delle classi di violino, violoncello e fagotto

Musiche di J. Haydn, W. A. Mozart. e A. Dvorak

Venerdì 9 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi
Viale G.Romagnosi n.7,
ore 18,00

The Sound of Future

Con gli allievi del Salso Summer Class & Festival e della Scuola Italiana d’Archi

Venerdì 9 luglio

Salsomaggiore Terme (PR),
Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi,
Viale G. Romagnosi n. 7,
ore 21,15

Fra classico e romanticismo

Danusha Waskiewicz e I Musici di Parma 

Musiche di M. Bruch e A. Hoffmeister

Sabato 10 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi

Viale G.Romagnosi n.7
ore 21,15

The sound of future

Orchestra junior dei corsi di perfezionamento diretta da Michelangelo Cagnetta e da Stefano Pagliani

Mercoledì 14 luglio

Salsomaggiore Terme (PR),
Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi,
Viale G. Romagnosi n. 7,
ore 17,00

The Sound of Future

Con gli allievi della Scuola Italiana d’Archi 

Giovedì 15 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi
Viale G.Romagnosi n.7
ore 17,00

The Sound of Future

Con gli allievi della Scuola Italiana d’Archi

LUGLIO

Venerdì 16 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi

Viale G.Romagnosi n.7
ore 21,15

Virtuosismi sonori

Allievi ed orchestra dei corsi della Scuola Italiana d’Archi

Direttore d’orchestra: Stefano Pagliani

Musiche di J. Haydn, W.A. Mozart, A. Vivaldi e P. de Sarasate

Sabato 17 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi

Viale G.Romagnosi n.7
ore 21,15

Viaggio a Vienna

I Musici di Parma e gli allievi della Scuola Italiana d’Archi

Direttore d’orchestra: Stefano Pagliani

Musiche di G. Mahler, F.Schubert e W.A. Mozart

Domenica 18 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala Mainardi,
Viale G. Romagnosi n. 7,
ore 11,00

I 27 Capricci

Incontro con il M°Paolo Mora, autore del libro 27 Studi – capricci per Violino solo. Liberamente tratti dalle opere di Giuseppe Verdi

Martedì 20 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi

Viale G.Romagnosi n.7
ore 21,15

Omaggio all’Opera

Orchestra di Flauti Zephyrus

Musiche di G. Verdi e G.Rossini

Venerdì 23 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi

Viale G.Romagnosi n.7
ore 18,00

The sound of Future

Con gli allievi del Salso Summer Class & Festival

Venerdì 23 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Pieve di San Nicomede, Località S.Nicomede n.68

ore 21,15

Non solo Classica…

Stefano Conzatti e I Musici di Parma

Musiche di J. Haydn, F. Danzi e N.Rota

In collaborazione con la Rassegna “Estate delle Pievi 2021”

In caso di maltempo il concerto si terrà presso il Palazzo dei Congressi

Sabato 24 Luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi,

Viale G.Romagnosi n.7
ore 18,00

Note di speranza

I Musici di Parma con gli allievi delle classi di violino, tromba e clarinetto

Musiche di W.A. Mozart, G. Torelli e A. Vivaldi

Venerdì 30 Luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Castello di Contignaco,

Via Contignaco Castello n. 126
ore 21,15

Fiato alla lirica

I Musici di Parma con gli allievi delle classi di oboe e flauto

Musiche di A. Pasculli e G. Verdi

In caso di maltempo il concerto si terrà presso il Palazzo dei Congressi

Sabato 31 Luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi

Viale G. Romagnosi n.7
ore 21,15

Notturno

I Musici di Parma con gli allievi delle classi di oboe e flauto

Musiche di W.A. Mozart, A. Pasculli e S. Mercadante

AGOSTO

Domenica 1 agosto

Salsomaggiore Terme (PR), Castello di Tabiano,
Frazione di Tabiano Terme,
Via Tabiano Castello,
ore 21,15

Questa o quella

I Musici di Parma con gli allievi delle classi di canto

Musiche di W. A. Mozart, G. Verdi e V. Bellini

In caso di maltempo il concerto si terrà presso il Palazzo dei Congressi

Sabato 7 agosto

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi,

Viale G. Romagnosi n.7,
ore 21,15

Virtuosismi

I Musici di Parma con gli allievi della classe di saxofono

Musiche di A. Glazunov e H. Villa Lobos

Domenica 8 agosto

Salsomaggiore Terme (PR), Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino
Località Scipione Castello,
ore 21,15

Melodie d’incanto 

Simonide Braconi e I Musici di Parma 

Musiche di J. Stamitz e B. Britten

In caso di maltempo il concerto si terrà presso il Palazzo dei Congressi

Mercoledì 11 agosto

Salsomaggiore Terme (PR), Pieve Romanica di San Giovanni,
Località Contignaco,
ore 21,15

Celesti armonie 

Carlo D’Alessandro Caprice, Violino – Ciro Chiapponi, Pianoforte

Musiche di C. Gounod, E. Grieg e F. Schubert

In collaborazione con la Rassegna “Estate delle Pievi 2021”

LEGENDA

I Concerti Classici

I Concerti Lirici

Chamber Music

Young People Together

Concertlifes

 

Tutti I CONCERTI saranno offerti alla cittadinanza gratuitamente e nel rispetto delle misure di sicurezza Covid-19.

Per consentire il distanziamento sociale, i posti sono stati ridotti, pertanto, la PRENOTAZIONE è OBBLIGATORIA fino a esaurimento posti, entro le ore 13,00 del giorno del concerto

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA E INFO c/o I.A.T.
Informazioni Accoglienza Turistica Salsomaggiore Terme:
Telefono +39 0524 58 02 11
E-mail: info@portalesalsomaggiore.it

 

 La direzione si riserva il diritto di modificare il programma del Salso Summer Class & Festival senza preavviso e per qualsiasi ragione.
Eventuali variazioni saranno tempestivamente comunicate a mezzo stampa e sul sito de I Musici di Parma.

IL SUONO NELLA BELLEZZA EDIZIONE 2021

IL SUONO NELLA BELLEZZA EDIZIONE 2021

Sei concerti estivi “Aspettando San Francesco del Prato”
Al via sabato 12 giugno la 3ª edizione della rassegna musicale “Il Suono nella Bellezza”, organizzata da I Musici di Parma a sostegno del restauro di San Francesco del Prato

6 i concerti tra giugno e luglio 2021, nell’ambito del ricco programma di “Aspettando San Francesco del Prato”, fra eventi, visite, concerti e incontri

A inaugurare la rassegna sarà la giovane violinista emergente Maristella Patuzzi accanto al fratello Michele Patuzzi, alla direzione dell’Orchestra de I Musici di Parma

DAL 12 GIUGNO AL 28 LUGLIO, ORE 17 E 21.15 SAN FRANCESCO DEL PRATO, PARMA CORTILE D’ONORE DELLA CASA DELLA MUSICA, PARMA

www.sanfrancescodelprato.it/it/concerti/

Parma, 10.06.2021 – Torna anche quest’anno, per la terza volta, la rassegna di musica classica “Il Suono nella Bellezza” a sostegno delle opere di restauro in San Francesco del Prato. 6 i concerti in programma per l’edizione 2021, ideata e organizzata, fin dalle sue origine nel 2019, da I Musici di Parma e dal Comitato per San Francesco del Prato, con la direzione artistica di Carlo D’Alessandro Caprice, con il patrocinio ed il contributo del Comune di Parma e del Ministero della Cultura.

Dal 12 giugno al 28 luglio, lungo 6 appuntamenti che avranno luogo tra le mura del Cortile d’onore della Casa della Musica e gli spazi della Chiesa di San Francesco del Prato, artisti di fama internazionale e giovani talenti dell’Accademia de I Musici di Parma si esibiranno accanto all’Orchestra de I Musici di Parma, protagonisti di programmi che spaziano dal barocco al jazz, fino alla musica da film.

L’edizione di quest’anno si inserisce significativamente nel ricco programma di eventi programmati dal Comune per Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21, affiancandosi al filone di visite, concerti e incontri che tesse la tela di “Aspettando San Francesco del Prato”, un vero e proprio percorso culturale di avvicinamento alla consacrazione e all’inaugurazione della chiesa parmense, il 3 ottobre prossimo.

«Con piacere l’Assessorato alla Cultura rinnova anche per quest’anno la sua adesione a questa importante iniziativa, che si inserisce armonicamente nel percorso di rinascita della Chiesa di San Francesco del Prato, con una programmazione musicale condivisa anche con la vicina Casa della Musica – ha dichiarato a tal proposito l’Assessore alla Cultura prof. Michele Guerra. – Un vero percorso nella bellezza del suono musicale in tutte le sue forme, attraverso un programma che propone al pubblico un viaggio ricco e variegato nel tempo».

Il sipario si aprirà sabato 12 giugno alle ore 17 quando – nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, di fronte ad un pubblico contingentato di massimo 200 persone – la giovane violinista emergente Maristella Patuzzi, con il suo violino Michael Platner del 1728, si esibirà accanto all’Orchestra de I Musici di Parma in un programma che si muove tra le sonorità evocative del norvegese Edvard Grieg (1843-1907), del compositore spagnolo Pablo de Sarasate (1844-1908) e dell’inglese Edward Elgar (1857-1934).

A dirigere la serata nella suggestiva cornice della chiesa gotica sarà la bacchetta di Michele Patuzzi, fratello della solista Maristella. A lui il compito di guidare l’Orchestra de I Musici di Parma nell’interpretazione della Suite “Dai tempi di Holberg”, op. 40 di Grieg, in apertura di concerto, dell’Elegia per orchestra d’archi, op. 58 e nella Serenata per archi, op. 20 di Elgar. La solista Maristella Patuzzi – già vincitrice di concorsi nazionali e internazionali, con all’attivo concerti in Europa, Russia, Asia, Stati Uniti, Africa, Canada, Australia e America Latina – farà quindi risuonare, tra le ampie arcate di San Francesco del Prato, le atmosfere della “Fantasía Carmen”, op. 25 e della virtuosistica “Zigeunerweisen” op. 20 del compositore e violinista Pablo de Sarasate.

La rassegna proseguirà domenica 20 giugno, alle ore 21.15, con un concerto lirico sinfonico dedicato ai giovani che vedrà protagoniste, tra celebri arie di Mozart, Verdi, Rossini e Mascagni, due voci dell’Accademia dei Musici di Parma: Adelaide Minnone e Giulia Mazzola, entrambe soprano, allieve della cantante Cinzia Forte, storica docente di canto dell’Accademia de I Musici di Parma. A dirigere l’orchestra saranno gli allievi della classe di direzione d’orchestra del M° Daniele Agiman dell’Accademia de I Musici di Parma, che si alterneranno sul palco.

Domenica 4 luglio, sempre alle ore 21.15, sarà il turno di un big qual è il violoncellista Giovanni Gnocchi, che interpreterà il celebre Concerto n. 1 per violoncello e orchestra di Dmítrij Šostakóvič (1906-1975). A completare il programma della serata sarà l’esecuzione della Quinta Sinfonia di Franz Schubert (1797-1828), diretta anche in quest’occasione dagli allievi della classe di direzione d’orchestra del M° Daniele Agiman.

Il quarto concerto della rassegna sarà affidato a un altro nome di fama internazionale. Domenica 18 luglio, ore 21.15, nel Cortile d’Onore della Casa della Musica andrà infatti in scena Portrait of a trumpet, un omaggio alla tromba che prende il nome dall’omonima composizione di Sammy Nestico, uno dei brani in programma. A dare voce allo strumento solista sarà Andrea Lucchi, prima tromba dell’Orchestra Sinfonica Nazionale dell’Accademia di Santa Cecilia. Un vero e proprio viaggio musicale, attraverso epoche e generi.

Giovedì 22 luglio, ore 21.15, negli spazi della Chiesa di San Francesco del Prato, risuonerà la voce di uno dei più importanti bassi del panorama lirico italiano e internazionale. Un concerto lirico sinfonico che vedrà protagonista assoluto il parmense Marco Spotti (basso), accanto all’Orchestra de I Musici di Parma, con una serata tutta dedicata alle celebri musiche di Giuseppe Verdi.

A chiudere la rassegna, mercoledì 28 luglio, ore 21.15, nel Cortile d’Onore della Casa della Musica, saranno le note di Les Brasseurs Quintet, giovanissima formazione composta dai cinque vincitori del Premio dei Conservatori italiani, tra cui Dario Tarozzo e Francesco Olivi, eccellenze della classe di tromba dell’Accademia de I Musici di Parma. Musiche di P. Dukas, M. Mussorgsky, G. Verdi, G. Bizet, G. Rossini.

L’ingresso a tutti i concerti è a offerta libera, fino a esaurimento posti per un massimo consentito di 190 persone per San Francesco del Prato e 90 per la Casa della Musica.

Per info e prenotazioni:
segreteria@imusicidiparma.it // www.imusicidiparma.it info@sanfrancescodelprato.it // www.sanfrancescodelprato.it infopoint@lacasadellamusica.it // www.lacasadellamusica.it

Chiunque abbia piacere di contribuire al finanziamento dei lavori di restauro dell’imponente progetto di recupero di San Francesco del Prato a Parma potrà fare la sua donazione direttamente sul sito di San Francesco del Prato nell’apposita sezione dedicata alle donazioni e potranno usufruire delle agevolazioni fiscali previste dall’art bonus. Per avvalersi dell’art bonus sulla donazione, è necessario spuntare la relativa casella nel modulo di donazione.

La rassegna è ideata e organizzata da I Musici di Parma con il patrocinio di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21 in collaborazione con il Comitato per San Francesco del Prato.

IL SUONO NELLA BELLEZZA EDIZIONE 2021

Sei concerti estivi
“Aspettando San Francesco del Prato”

Al via sabato 12 giugno la 3ª edizione della rassegna musicale “Il Suono nella Bellezza”, organizzata da I Musici di Parma a sostegno del restauro di San Francesco del Prato

6 i concerti tra giugno e luglio 2021, nell’ambito del ricco programma di “Aspettando San Francesco del Prato”, fra eventi, visite, concerti e incontri

Con la direzione artistica di Carlo D’Alessandro Caprice

 

Hai partecipato al nostro evento?

LE MASTERCLASS

LE MASTERCLASS SSC&F 2021

“Scopo delle Masterclass sia estive che annuali è migliorare le competenze tecniche e musicali degli allievi, in modo da renderli idonei alla professione musicale, a tutto tondo, sia in qualità di solisti, sia nelle compagini orchestrali, nei gruppi cameristici, negli ensemble di musica improvvisata. Al termine dei corsi, i migliori allievi beneficeranno dell’opportunità di affrontare, a seconda dei casi, il repertorio solistico o il repertorio orchestrale, sul palco, assieme a I Musici di Parma: esperienze preziose, queste, sotto il profilo della crescita professionale e umana, da segnalare nel curriculum”.
(Carlo D’Alessandro Caprice – Direttore Artistico I Musici di Parma)

Dal 2016 le Masterclass si svolgono presso la Città termale di Salsomaggiore Terme (PR).

Quest’anno sono previste, a partire dal 4 luglio fino al 12 agosto. 15 Masterclass dedicate ai seguenti strumenti: violino, viola, violoncello, contrabbasso, oboe, flauto, clarinetto, fagotto,tromba, saxofono, canto, maestri collaboratori al pianoforte, direzione d’orchestra e, da quest'anno, l'offerta dei corsi si amplierà con i docenti della Scuola Italiana d'archi diretta dal M° Stefano Pagliani.

I corsi saranno tenuti da docenti di chiara fama, preziose guide che da anni si prodigano per il perfezionamento dei loro allievi con I Musici di Parma.

Salso Summer Class & Festival 2021 - Docenti

Scopri i docenti

I corsi saranno tenuti da docenti di chiara fama, preziose guide che da anni si prodigano per il perfezionamento dei loro allievi con I Musici di Parma.

Sono i già citati Christoph Hartmann (oboista dei Berliner Philharmoniker), Francesco Di Rosa (primo oboe solista nell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia) e Simone Zanchini (fisarmonicista) con i quali ritroviamo Giovanni Gnocchi (Univ. Prof. di Violoncello alla Universität Mozarteum), Enrico Fagone (Primo contrabbasso dell’Orchestra della Svizzera Italiana e Direttore d’Orchestra), Yulia Berinskaya (violinista di fama internazionale), Klaidi Sahatçi (primo Konzertmeister della Tonhalle Orchester di Zurigo ed ex Spalla del Teatro alla Scala), Stefano Pagliani (ex Spalla del Teatro alla Scala e solista di fama internazionale), Marco Ferri (Concertino dei Primi Violini dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna), Simonide Braconi (Prima viola del Teatro alla Scala), Giuseppe Miglioli (violinista, titolare della classe di Viola presso il Conservatorio G. Verdi di Como), Stefano Conzatti (primo clarinetto dell’Arena di Verona), Andrea Lucchi (prima tromba dell’Orchestra di Santa Cecilia), Mario Marzi(solista di calibro internazionale, per vent’anni collaboratore dell'Orchestra del Teatro alla Scala), Marco Zoni (primo flauto, Orchestra del Teatro alla Scala), Daniele Agiman (direttore d'orchestra e titolare della cattedra di Direzione d'Orchestra presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano), Cinzia Forte (famoso soprano) e Margherita Colombo (direttore d’orchestra, pianista e compositrice).

SALSO SUMMER CLASS & FESTIVAL

Le Masterclass 2021

“Le Masterclass sono rivolte a giovani musicisti di tutte le nazioni che intendono usufruire di un’opportunità di formazione altamente specializzata impartita da didatti e concertisti di chiara fama, con lo scopo di migliorare le proprie competenze tecnico musicali e renderle idonee ad affrontare la professione concertistica ed orchestrale.

Durante lo svolgimento dei corsi, i migliori allievi giudicati idonei a seguito di audizione da parte della Commissione Artistica del Salso Summer Class & Festival avranno l’opportunità di esibirsi, in qualità di solisti, con l’Orchestra I Musici di Parma all’interno del Festival.”

Masterclass2021

I corsi prevedono la possibilità di affrontare il repertorio solistico con la finalità dell’esecuzione pubblica.

Qualora l’allievo sia interessato al repertorio solistico, è obbligatoria la preparazione di almeno uno dei concerti elencati nel bando.

I corsisti non intenzionati ad affrontare il repertorio solistico possono presentare un programma a libera scelta. Tutti i partecipanti ai corsi di strumento potranno partecipare alla formazione di complessi di musica da camera, frequentare in qualità di uditori le prove d’orchestra e partecipare alla stessa in qualità di musicisti.”

Requisiti di ammissione e regole2021

“Le spese di vitto ed alloggio sono a carico dei partecipanti.

I partecipanti non potranno pretendere alcun compenso per le eventuali partecipazioni ai concerti previsti durante il corso, anche in presenza di riprese audio e video.”

Requisiti di ammissione e regole2021
Masterclass

VIOLINO

Masterclass

VIOLA

Masterclass

VIOLONCELLO

Masterclass

FLAUTO

Masterclass

CLARINETTO

Masterclass

OBOE

Masterclass

FAGOTTO

Masterclass

TROMBA

Masterclass

SAXOFONO

Masterclass

CANTO LIRICO

Masterclass

MAESTRO COLLABORATORE

Masterclass

DIREZIONE D'ORCHESTRA

Masterclass

CONTRABASSO

SALSO SUMMER CLASS & FESTIVAL

I docenti Masterclass 2021

Yulia Berinskaya

Violino

“…la purezza del suono che sgorgava dal violino è stato qualcosa di sublime, che sommato al virtuosismo espresso nelle cadenze solistiche ha reso giusta testimonianza alle straordinarie doti di questa artista…”

Yulia nasce nell’arte e nella musica.; il suo precoce talento viene presto colto dal padre Sergey Berinsky, tra i maggiori compositori moscoviti del ‘900, che la avvia allo studio del violino.
La sua formazione e le sue straordinarie potenzialità musicali, vengono accolte e coltivate da Artisti di fama internazionale, quali E. Tchugaeva e V. Tretiakov, Quartetto Borodin , Trio di Mosca che hanno accompagnato Yulia verso la laurea con lode al Conservatorio Tchaikovsky di Mosca.
Invitata in Europa, si perfeziona poi presso la Hochschule für Musik di Vienna sotto la guida di D. Schwarzberg.
Si apre davanti a lei una carriera brillantissima, come solista, camerista e didatta, apprezzatissima in Italia e all’estero: Olanda, Svizzera, Francia, Germania, ex Jugoslavia, USA, Israele, Russia.
I recital appresentano il suo essere artista poliedrica, dove il virtuosismo accompagna gli stili più diversi.
Vanta prestigiose collaborazioni con alcune Orchestre: Orchestra Verdi di Milano, Orchestra del Conservatorio di Milano, Orchestra Amadeus di Mosca, Orchestra La Filarmonica di Sverdlovsk, I Musici di Parma.
Appassionata camerista, è invitata in alcuni tra i maggiori Festivals italiani ed europei; si affianca ad Artisti tra cui: S. Krilov, Y, Bashmet, D. Cohen, V. Mendelssohn, F. Lips.

Tiene regolarmente Masterclass a Mendrisio (Svizzera)Timisoara (Romania), Rodos (Grecia), Mulin de Andèe (Francia), Portogruaro (Italia), Cividale (Italia), Val Tidone Festival (Italia), Salsomaggiore (Italia), Cantù (Italia), Venezia (Italia); ha inoltre fondato la classe di Alto perfezionamento di violino presso l’Accademia Milano Music Masterschool ed è regolarmente membro di giuria in Concorsi Internazionali di violino.
Ha ricoperto il ruolo di Primo violino di Spalla presso le seguenti Istituzioni orchestrali: Teatro San Carlo di Napoli, Orchestra Verdi di Milano, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, Orchestra Earl (Austria), Teatro La Fenice di Venezia, Orchestra Filarmonica di Lubiana.

Incide per le etichette discografiche: Koch Records (Germania), Gramsapis e ArtClassic (Russia), SonArt Studio, Suonare News, ClassicaViva, LimenMusic (Italia).
Incide Violin in Red, Violin in Blue, Violin in White e Violin in Bach. Con Limen è uscito il doppio cofanetto cd e dvd live “BEaR in Sky” – Unconditional Music.
E’ in stampa il suo ultimo lavoro discografico “Sturm und drang” e work in progress l’integrale delle Sonate di L. van Beethoven con l’etichetta ClassicaViva.

Le sue incisioni sono regolarmente trasmesse da Radio vaticana, Radio Classica, Radio della Svizzera Italiana.

Suona un violino di Giovanni Battista Guadagnini del 1745.

Klaidi Sahatçi

Violino

Klaidi Sahatçi nato a Tirana e inizia lo studio del violino all’età di sei anni nella sua città natale frequentando il Liceo Artistico “J.Misja”.

Nel 1992 si trasferisce in Italia per arricchire le sue conoscenze musicali e consegue nel 1994 il Diploma di violino con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore sotto la guida del maestro Gigino Maestri presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano. Si perfeziona in seguito con il maestro Salvatore Accardo presso l’Accademia “W. Stauffer” a Cremona e con il maestro Boris Garlitzky a Lione.

Klaidi Sahatci debutta come solista giovanissimo con l’Orchestra Sinfonica della Radio Televisione Italiana a Milano riscuotendo grande successo, iniziando così una carriera in costante ascesa.

In qualità di solista, ha suonato con importanti orchestre tra cui Tonhalle Orchester Zürich, l’Orchestra della Svizzera Italiana, l’Orchestre National de Lyon, la Zürcher Kammerorchester, I Virtuosi Italiani, Cameristi della Scala, Orquesta Sinfonica de Chile, collaborando con direttori quali D.Zinman, A.Lombard, M.Tang, H.Griffiths, M.Nesterowitz.

Svolge un’intensa attività concertistica in formazioni cameristiche per stagioni importanti come Lugano Festival, Meisterzyclus Zürich, Stagione Concertistica al Teatro Grande di Brescia, Salle Molière a Lyon, Kammermusik in Tonhalle Zürich, Different Trains e Pianodrom a Tirana, Società dei Concerti, Società del Giardino e Teatro alla Scala di Milano dove ha collaborato con interpreti quali Bruno Canino, Bruno Giuranna, Rafael Oleg, Dimitri Sitkovetski, Julian Rachlin, Fazil Say, François-Frederic Guy, Yuja Wang etc.

Insieme con Andrea Rebaudengo e Sandro Laffranchini ha fondato Altus Trio con il quale ha debuttato nel 2010 al Teatro alla Scala di Milano.

Nell’ambito orchestrale ha vinto diversi concorsi internazionali ricoprendo dal 1995 al 2001 il posto di Violon Solo all’Orchestre National de Lyon, dal 2001 al 2004 il posto di Sostituto violino di Spalla all’Orchestra della Svizzera Italiana, dal 2004 al 2007 il posto di Primo Konzertmeister alla Zürcher Kammerorchester, dal 2007 al 2009 il posto di Primo Violino di Spalla presso l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e Filarmonica della Scala e dal 2009 ad oggi é Primo Konzertmeister alla Tonhalle Orchester Zürich e docente di violino presso la Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera Italiana.

Ha registrato per Mezzo, CLC, France3 e TLM in Francia, Radio Rai e Limen Music in Italia, Naxos, Drs e Rtsi in Svizzera. Nel 2013 insieme con la pianista albanese Dh. Lazo ha registrato e prodotto il CD “Albanian Memories” dedicato al suo paese d’origine.

Klaidi Sahatci suona il violino Antonio Stradivari “Wieniawsky, Bower” del 1719 offerto dalla Mercedes-Benz Zurich.

Giovanni Gnocchi

Violoncello

Giovanni Gnocchi ha debuttato giovanissimo come solista in concerto per 2 violoncelli e orchestra assieme a Yo-Yo Ma, che disse:“giovane meravigliosamente pieno di talento, darà un grande contributo alla musica ovunque egli vada”. É stato solista sotto la direzione di Gustavo Dudamel, Christopher Hogwood, Carlo Rizzi, Daniel Cohen, Enrico Bronzi, Michele Spotti,da Hong Kong alla Wiener Konzerthaus, alle grandi sale di Stuttgart, Manheim, Wiesbaden, Bonn e Salzburg, con la ZagrebPhilharmonic, Camerata Salzburg, Orchestra della Toscana, la Filarmonica della Fenice di Venezia, Orchestra da Camera di Mantova.
Nella corrente stagione debutta nella Sinfonia Concertante op. 125 di Prokofiev, suonerá il Concerto di Schumann diretto da Daniele Agiman, poi Haydn allo Festival Stradivari di Cremona con l’OTO-Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza diretta da Alexander Lonquich, e il Concerto di Gulda in un programma agli Amici della Musica di Firenze come solista e direttore dell’OGI-Orchestra Giovanile Italiana. Vincitore del 1° Premio al Concorso “F. J. Haydn” di Vienna, del Borletti-Buitoni Trust Fellowship di Londra (entrambi con il David Trio), si è inoltre laureato ai Concorsi violoncellistici Primavera di Praga, A.Janigro di Zagabria, e in duo al Parkhouse Award alla Wigmore Hall di Londra.
Si é esibito in progetti cameristici con Leonidas Kavakos, i membri del Quartetto Hagen, Elizabeth Leonskaja, Pekka Kuusisto, Alena Baeva, Roman Simovic, Vadym Kholodenko, Cristian Budu, Jens-Peter Maintz, Wolfram Christ, Diemut Poppen, Herbert Schuch, e in duo e trio con Alexander Lonquich e Ilya Gringolts, al Lucerne Festival in trio con Olli Mustonen e Alessandro Carbonare, in Giappone inaugurando la Ark-Nova Concert Hall, ed invitato nei festival internazionali Ljubljana Cello Fest in Slovenia, Ilumina
Festival in Brasile, Järna Music Festival in Svezia, Delft Music Festival in Olanda, KotorArt Festival in Montenegro, Festival Musikdorf Ernen in Svizzera. Recentemente ha tenuto concerti cameristici a Singapore alla Explanade e un recital solistico alla Hong Kong City Hall per la Hong Kong International Cello Association.
I prossimi impegni lo vedono impegnato in duo con Andrea Lucchesini e Alasdair Beatson, nella partecipazione solistica e cameristica al Festival Résonances in Belgio (con Liza Ferschtman, Aleksander Madzar, Esther Hoppe), il Concerto di Elgar a Bari e a Matera, di nuovo la Sinfonia Concertante di Prokofiev in Colombia con l'Orchestra Sinfonica di Stato a Bogotá e alcuni impegni cameristici in Messico.
Solo-Cellist della Camerata Salzburg per 8 anni (2002-2010), é stato inoltre Guest Principal Cellist alla Royal Philharmonic Orchestra di Londra con Daniele Gatti (2011-2012), guest principal nei Münchner Philharmoniker, Mahler Chamber Orchestra con Daniel Harding, Philharmonia Orchestra di Londra, Orchestra Mozart e co-principal cellist alla London Symphony con Valery Gergiev, e dal 2008 ad oggi membro della Lucerne Festival Orchestra sotto la direzione di Claudio Abbado.
Nel 2012 ha vinto il concorso come Univ. Professor di violoncello all’Universität Mozarteum di Salisburgo.
Giovanni ha studiato con Mario Brunello, Rocco Filippini, Luca Simoncini, Enrico Bronzi, Natalia Gutman, David Geringas, Heinrich Schiff, completando i propri studi con Clemens Hagen e poi Steven Isserlis, Ferenc Rados e Sir András Schiff.

Daniele Agiman

Direttore d’Orchestra

Daniele Agiman è tra i direttori d’orchestra italiani più attivi a livello internazionale.

È ospite regolare delle più prestigiose istituzioni, in Corea del Sud e Giappone, in particolare in campo operistico.

Tra le produzioni più significative si ricordano:

Gianni Schicchi e Cavalleria Rusticana al Teatro di Stato di Taegu (Corea del Sud) in occasione del gemellaggio tra le città di Milano e Taegu

Lucia di Lammermoor a Seoul presso il Sejong Opera Festival in occasione dell’A.S.E.M. (incontro internazionale dei capi di stato asiatici ed europei)

La Traviata presso il Centennial Hall di Nara (Giappone).

Ha inoltre diretto in Argentina, Sud Africa, Francia, Germania, Romania, Svizzera, Georgia, Russia; nel dicembre 1992 ha debuttato al Konzerthaus di Vienna ed al Brucknerhaus di Linz, su invito della Wiener Kammerorchester.

In seguito all’affermazione al 1° Concorso Mario Gusella (primo classificato assoluto, Pescara 1991), viene invitato da tutte le più importanti orchestre italiane (Orchestra della Toscana, Pomeriggi Musicali, Filarmonica Marchigiana, Sinfonica Abruzzese, Solisti Aquilani, etc) e nei più prestigiosi teatri (Teatro Regio di Torino, Teatro delle Muse di Ancona, Comunale di Modena, Lauro Rossi di Macerata, Teatro Lirico di Cagliari, Pergolesi di Jesi; Teatri Comunali di Belluno, Corridonia, e Taranto in occasione delle rispettive riaperture) e stagioni concertistiche (Tosca per la Stagione Lirica di Como, Messa di Gloria di Puccini per la stagione estiva di Macerata, Madama Butterfly per il Festival della Valle dei Templi di Agrigento).

Si è particolarmente impegnato nella diffusione e valorizzazione della produzione di autori contemporanei, dirigendo tra l’altro molte prime esecuzioni di compositori italiani. Molteplici gli incarichi ufficiali ricoperti:

Direttore Artistico e Musicale de “ I Madrigalisti Ambrosiani” negli anni 1995/1996 (Recupero del Repertorio Musicale Barocco, in particolare Lombardo)

Direttore Musicale della Stagione Lirica autunnale del Palazzo dei Congressi di Lugano negli anni 1995/1998 (Boheme, Barbiere di Siviglia, Traviata, Rigoletto)

Direttore Artistico del Laboratorio Lirico del Conservatorio “G. Verdi” di Milano negli anni 2000/2002 (Produzione di Opere Liriche in particolare del ‘700 e del ‘900)

Direttore Principale dell’Orchestra Benedetto Marcello di Teramo dal 2000 al 2005 (Recupero e valorizzazione del Repertorio Strumentale Italiano)

Consulente Artistico per l’Opera Italiana del Teatro di Stato di Taegu (Corea del Sud) e della Kyushu City Opera (Giappone) dal 1995

Direttore Musicale per le produzioni orchestrali dell’Associazione “Ab Harmoniae” (riscoperta del repertorio Italiano, Tedesco e Francese del 1800)

Direttore Musicale e Consulente Artistico per i progetti operistici del Festival “Pergine Spettacolo Aperto” (Madama Butterfly, Boheme, Traviata, Il Trovatore, Rigoletto)

Direttore Ospite Principale della Shizuoka Symphony Orchestra dal 2006 al 2009

Direttore Principale dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini di Pesaro dal 2009 Viene frequentemente invitato da Università (Bologna, Ancona, Teramo, Roma Tre, Università degli Studi di Milano, Università Coreana dell’Arte e Università Chung Ang di Seoul), associazioni culturali e centri di studio e ricerca (Rete Stresa, Società Gruppo- Analitica Italiana, I.S.M.O) con l’intento di riportare la riflessione sulla storia della musica occidentale e sull’ermeneutica musicale all’interno del più vasto orizzonte epistemologico e filosofico contemporaneo.

Dal 1999 è titolare della cattedra di Direzione d’Orchestra presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano.

Dal marzo 2007 è Professore Onorario di Direzione d’Orchestra presso l’Università Kurashiki Sakuyo in Giappone.

Christoph Hartmann

Oboe

Oboe del prestigioso complesso dei Berliner Philarmoniker.

Nato nel1965 ha iniziato i suoi studi presso il Conservatorio Leopold Mozart di Augsburg sotto la guida di Georg Fischer ed in seguito ha proseguito gli studi presso la Musikhochschule di Monaco con Guenter Passin ottenendo il diploma in oboe e in musica da camera.

Ha ottenuto diversi primi premi in importanti concorsi internazionali: Tolone, Ginevra e Tokyo.

In seguito è divenuto docente alla Musikhochschule di Monaco e nel 1991 ha ricoperto il ruolo di 1° oboe nell'orchestra di Stoccarda per poi approdare, un anno più tardi, nei Berliner Philarmoniker.

Qui, in seguito, è divenuto anche docente presso l'Accademia della medesima orchestra. Nel1999 ha fondato il festival di musica da camera ``Landsberger Sommermusiken`` al cui interno è nato l'Ensemble Berlin, formazione cameristica interna ai Berliner da lui diretta.

Suona un prezioso oboe Roland Dupin.

Incide per la EMI per la quale ha prodotto un Cd per oboe e orchestra contenente brani virtuosistici inediti di autori italiani dell'800 tratte dal repertorio lirico.

Andrea Cellacchi

Fagotto

Andrea Cellacchi si impone a 18 anni all’attenzione internazionale vincendo il 1° Premio all’Aeolus International Competition di Düsseldorf e il 1° Premio al The Muri Competition 2016, primo italiano ad aggiudicarsi questi prestigiosi riconoscimenti. È inoltre vincitore del Premio Abbado 2015 e del 1° Premio nei Concorsi Internazionali di Fagotto “AudiMozart 2016”, “G. Rossini” di Pesaro e “Città di Chieri”.

A 19 anni vince il posto di Primo Fagotto Solista nell’Orchestra del Konzerthaus di Berlino. Nel 2018 è risultato vincitore del 2° Premio all’Internationaler Instrumentalwettbewerb Markneukirchen e del 1° Premio all’International Fox-Gillet Competition 2018 organizzato dalla International Double Reed Society IDRS a Granada. Nello stesso anno è diventato Primo Fagotto Solista presso la Luzerner Sinfonieorchester.

Nel 2019 , all’età di 22 anni, diventa Primo Fagotto presso l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino e vince il secondo premio, con primo non assegnato, presso il prestigioso Concorso Internazionale dell’ARD di Monaco.

A 10 anni inizia lo studio del fagotto e a 16 si diploma con lode e menzione d’onore presso il Conservatorio di Musica “O. Respighi” di Latina. A 15 anni viene ammesso presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia sotto la guida del M° Francesco Bossone.

Nel 2018 consegue il Master Music Performance presso l’Hochschule der Künste di Zurigo nella classe di Matthias Rácz, dove attualmente frequenta il Master Specialistico in solismo.

Credits foto: © Daniel Delang

Mario Marzi

Saxofono

Mario Marzi, vincitore di 9 concorsi nazionali e 4 internazionali, ha tenuto concerti in veste di solista con le più importanti orchestre sinfoniche: “Orchestra Sinfonica RAI di Torino”, “Accademia Nazionale di Santa Cecilia”, “Arena di Verona”, “Teatro comunale di Firenze”, “Teatro alla Fenice di Venezia”, “Orchestra della Svizzera Italiana”, “Caracas Symphony Orchestra” ecc.

Di particolare prestigio la sua ventennale collaborazione con il “Teatro Alla Scala” di Milano e la “Filarmonica della Scala” sotto la direzione dei maggiori direttori contemporanei: R. Muti, C. M. Giulini, G. Prètre, L. Maazel, L. Berio, R. F. de Burgos, S. Bychkov, G. Sinopoli, C. Abbado, W. Sawallisch, M. W. Chung, R. Chailly, D. Harding, G. Dudamel ecc.

Più volte scelto dal M. Riccardo Muti in seno alla compagine scaligera per ruoli solistici, viene allo stesso modo invitato dal M. Zubin Mehta per le tournée dell’orchestra del “Maggio Musicale Fiorentino”.

Numerose le partecipazioni ai maggiori festival musicali nazionali e internazionali come Salisburgo, Atene, Madrid, San Pietroburgo, Città del Messico, “Biennale” di Venezia, “Settembre Musica”, “La Scala” di Milano, “Accademia Filarmonica” di Roma, “Ravenna Festival”, ecc.

Molteplici anche le sue esibizioni nelle sale e nei teatri più prestigiosi: “Carnegie Hall” di New York, “Suntory Hall” di Tokyo, “Gewandhaus” di Lipsia, “Musikverein” di Vienna, “Schauspielhaus” di Berlino, “Lacma” Museum di Los Angeles, “Teatro Nazionale” di Pechino, “Parlamento Europeo” di Bruxelles, “Sala Ciajkovskij” di Mosca, “Liceu” di Barcellona ecc.

A lui sono dedicate alcune delle opere più significative destinate al sassofono contemporaneo.

Ha inciso per le case discografiche BMG, Sony Classic, EMI, Edipan, Stradivarius, Agorà, registrando inoltre per Amadeus, in qualità di solista con l’“Orchestra G. Verdi di Milano” e la direzione del M. H. Schellenberger, un CD monografico con i più importanti concerti per sax e orchestra, prima assoluta per l’Italia, ora internazionalmente distribuito dalla ARTS di Monaco.

E’ endorser del marchio Rico.

Docente di sassofono al conservatorio “G. Verdi” di Milano, tiene corsi di perfezionamento e masterclass ad Oporto, Amsterdam, Lisbona, Francoforte, Pechino, Denver e a Caracas nell’ambito del progetto Abreu (El sistema).

Membro della giuria nelle maggiori competizioni per saxofono, fra cui quella di Dinant nel 2010, è responsabile per l’Italia della Gerry Mulligan Publisher.

E’ inoltre autore di diverse partiture didattiche per la Carisch.

Il suo libro Il Saxofono Zecchini Ed. è stato pubblicato nell’ottobre 2009.

Cinzia Forte

Soprano

Napoletana di nascita e romana di adozione, inizia gli studi musicali all'età di 5 anni sotto la guida del padre.

Prosegue gli studi al Conservatorio e si diploma in Pianoforte e Canto Lirico.

Vince numerosi concorsi internazionali tra cui il ``Giacomo Lauri Volpi`` di Latina (Primo Premio) e il ``A. Belli`` di Spoleto.

Dopo il debutto avvenuto al Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto viene invitata dai più prestigiosi Teatri e istituzioni concertistiche internazionali quali Teatro alla Scala di Milano, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro La Fenice di Venezia, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Regio di Torino, Teatro dell'Opera di Roma, Teatro Comunale di Bologna, Auditorium di S. Cecilia di Roma, Rossini Opera Festival di Pesaro, The Royal Opera House - Covent Garden di Londra, Royal Concertgebouw e Nederlandse Opera di Amsterdam, Teatro Liceu de Barcelona, Teatro deLa Maestranzadi Siviglia, Opernhaus di Zurigo, New National Theatre di Tokyo, Théâtre des Champs Elisée di Parigi, Teatro Nacional de Sao Carlos di Lisbona, Deutche Oper Berlin.

Soprano lirico di coloratura, è apprezzata interprete di ruoli del belcanto italiano.

Il repertorio comprende opere di autori come Bellini, Donizetti, Rossini tra cui La Sonnambula, Lucia di Lammermoor, Don Pasquale, Elisir D'amore, Le Comte Ory, Il Viaggio a Reims,La Gazzetta, il Turco in Italia, Tancredi e opere francesi quali Manon e Romeo et Juliette.

Interpreta anche i ruoli di Violetta ne La traviata, Gilda in Rigoletto, Oscar in Un Ballo in Maschera, Susanna nelle Nozze di Figaro, Pamina ne Il Flauto Magico, Despina in Così fan tutte.

Collabora con direttori d'orchestra di fama internazionale tra cui Claudio Abbado, Bruno Campanella, Riccardo Chailly, Miun Wun Chung, Jesus Lopez Cobos, Daniele Gatti, Gianluigi Gelmetti, Renè Jacobs, Jeffrey Tate, Franz Welser-Möst e registi quali Roberto De Simone, Willy Decker, Dario Fo, Michael Hampe, Mario Martone, Pierluigi Pizzi, Luca Ronconi, Emilio Sagi, Jerome Sav Graham Vick, Franco Zeffirelli.

Stefano Pagliani

Violino

Stefano Pagliani è nato a Modena-Italy nel 1963 e già all'età di 6 anni iniziò lo studio del violino.

I suoi insegnanti sono stati Salvatore Accardo, Franco Gulli e Paolo Borciani (primo violino del quartetto italiano).

Per più di 20 anni ha suonato come primo violino nelle più importanti orchiestre d'opera e sinfoniche in Italia e all'estero.

Primo violino solista dell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano e della omonima Orchestra Filarmonica dal 1990 al 2000,

E’ stato inoltre primo violino delle migliori compagini orchestrali del nostro Paese quali Il Maggio Musicale Fiorentino diretto da Z. Metha, l’Orchestra di S. Cecilia di Roma, e delle migliori orchestre sinfoniche di Spagna.

Ha fondato il Trio d’archi della Scala, i Virtuosi Italiani, i Solisti della Scala e l’Ensemble Filarmonico italiano.

Definito dal Maestro Lorin Maazel il più autorevole Konzertmeister presente in Italia, negli anni ha maturato una grande esperienza artistico-musicale meritandosi l’apprezzamento e la stima dei più famosi direttori d’orchestra: Metha, Abbado, Sawallish, Maazel, Sinopoli, Chung, Gergiev, Muti. Ospite dei più importanti festival internazionali, tra le sue ultime tournée citiamo quelle in Sud America, Canada e Nord America (Palazzo dell’ONU e Carnegie Hall, New York, Los Angeles, San Francisco, Vancouver), Asia (Giappone, Corea, Taiwan nel 2013) e Cina (Pechino, Shanghai, Hong Kong nel 2015).

Ha eseguito diverse registrazioni come solista in queste orchestre e con le più prestigiose etichette discografiche come Sony Classical o EMI.

E’ presente nelle incisioni Sony Classical effettuate dal Teatro, in particolare come solista in: La strada di N. Rota e I Lombardi di G. Verdi, dir. R. Muti). Ha inoltre inciso per EMI (Vivaldi, Pergolesi), Arcadia, Agorà, Dynamic, Tactus, Fonit Cetra (integrale sonate di Brahms, Schumann, Ravel, Prokofiev, Respighi) integrale trii d’archi di Beethoven, Ottetto op. 20 di Mendelssohn, Gran Duo Concertante di Bottesini, Estro armonico e Le quattro stagioni di Vivaldi, Le quattro stagioni di Piazzolla.

Nel 2007 ha partecipato come solista all’Opening Konzert del Festival di Lucerna, eseguendo opere di Ligeti e Bartok. Dal 2010 al 2014 si è esibito in qualità di Direttore e Violinista negli Emirati, Spagna, Libia, Lucerna KKL, Giappone e in Cina presso l’NCPA Center. Dal 2004 al 2015 su invito del Maestro Claudio Abbado è stato membro dell’Orchestra Filarmonica di Lucerna formata dalle migliori prime parti delle orchestre Europee di Berlino, Vienna, Lipsia e dell’Orchestra Mozart con sede a Bologna. Di particolare rilievo l’incontro con Ryuichi Sakamoto con il quale ha tenuto un concerto in Trio con il violoncellista Morelenbaum al Festival del Cinema di Rovereto.

Ha inoltre dedicato molta attenzione alla direzione del repertorio Operistico Pucciniano, dirigendo Madama Butterfly, La bohème e Turandot presso il Festival Città di Arezzo. Dal 2014 è Faculty presso Asian Youth Orchestra con sede a Hong Kong.

Docente di Violino dal 1983, ha ottenuto sempre grandi soddisfazioni dai propri studenti che si sono distinti ad ogni appuntamento importante.

In particolare si è dedicato all'alto perfezionamento e alla preparazione di Concorsi presso Teatri italiani ed Esteri.

Testimoni del suo lavoro sono gli innumerevoli musicisti presenti in diversi ruoli nei seguenti Teatri: Teatro alla Scala Milano, Orchestra di S.Cecilia, Orchestra Teatro La Fenice, Orchestra Sinfonica Rai di Torino, Verona ``Arena``, Maggio Musicale Fiorentino etc.

Nel 2012 partecipa al Progetto per i Giovani Musicisti del Sud Africa a Cape Town, Johannesburg e Pretoria collaborando alla preparazione e realizzazione dell’ Opera: “THE FAIRY QUEEN” di H. PURCELL.Ha inoltre presentato più volte allievi a Concorsi Violinistici Internazionali tra i quali V.Veneto ottenendo sempre premi importanti .

È docente presso l’Accademia Sherazade di Roma, la Scuola di Musica di Fiesole, l’Accademia I Musici di Parma, la Toronto School of Music in Canada.

Simonide Braconi

Viola

Nato a Roma, si è diplomato con il massimo dei voti al Conservatorio di ``S. Cecilia`` di Roma e successivamente alla Music Hochschule di Freiburg in Germania (con menzione d' onore) studiando rispettivamente con i maestri S. Esposito e K. Kashkashian.

Si è perfezionato con B. Giuranna (Acc. ``W. Stauffer`` di Cremona) e J. Bashmet (Acc. Chigiana di Siena, diploma di merito nel 1991 e nel 1992).

E' stato premiato a diversi concorsi internazionali (tra cui Colonia e il ``Lionel Tertis`` competition in Inghilterra).

Prima viola dell'Orchestre des jeunes dela Mediterranèe, membro dell'Orchestra della Comunità Europea, ha collaborato in qualità di Prima viola con l' Orchestra dell' Accademia di S. Cecilia a Roma e nel 1994, a soli 22 anni, è stato prescelto dal M. Riccardo Muti a ricoprire lo stesso ruolo nell' orchestra del Teatro alla Scala di Milano.

Come solista e in musica da camera ha inciso per le etichette discografiche Vigiesse,Thymallus, Rhona, Stradivarius, Agorà, Tudor, DAD, Velut Luna e Dynamic oltre a diverse registrazioni per Radio 3, RAI Radiotelevisione italiana, Rete 4, Sky Classica e per le riviste CD Classica, Suonare news, la Provinciadi Cremona ed Amadeus per la quale ha recentemente inciso l'integrale della musica per viola e pianoforte di J. Brahms.

In musica da camera ha collaborato con artisti quali S. Accardo, M. Quarta, J. Rachlin, T. Brandis, M. Rizzi, A. Sitzkovesky, U. Ughi, I. Faust, P. Vernikov, D. Nordio, B. Canino, J. Swann, I. Golan, P. Restani, G. Andaloro, B. Petruchanski, A. Lucchesini, R. Filippini, E. Dindo, N. Gutman, F. Petracchi, trio di Parma, la mezzosoprano Sonia Ganassi e da solista con direttori tra i quali W. Sawallisch e R. Muti.

Svolge spesso attività concertistica in duo con il fratello pianista Monaldo Braconi.

Autorevoli critiche dicono di lui: `` ..suono superbamente compatto`` (the Strad},``..ha colpito per il suo sicuro virtuosismo e il calore del suo strumento`` (Badener Tagblatt), `` ..intonazione strepitosa, sostegno di un canto vellutato e grave..`` (Corriere della sera ),`` .. mostra di possedere risorse strumentali di prim'ordine sfoggiando un suono vellutato ed omogeneo ed un'eccellente tecnica`` (CD classica), ``..insomma quando la bellezza è in primo piano senza protagonismi `` (L' eco di Bergamo),``..solista di gran talento, raffinatissimo nelle sue scelte espressive...laviola solista si è distinta per la sua cantabilità ineffabile e per la morbidezza del colpo d' arco, nonchè per virtuosismo strumentale e delicatezza del suono`` (Messaggero Veneto , 24 Febbraio 2003),``Bisogna anche dire che Simonide Braconi è un vero mago della viola e che sa trarre dal suo strumento una gamma espressiva tanto ampia quanto affascinante...``(Brescia oggi,10 Gennaio 2009) Insieme alle altre prime parti dell' Orchestra del Teatro ha costituito il Quartetto d'archi della Scala compiendo tournèes negli Stati Uniti, Sudamerica, Francia, Germania, Giappone e nelle maggiori società concertistiche in Italia.

E' membro di giurie in diversi concorsi internazionali (tra cui Ginevra), è regolarmente invitato a tenere corsi in importanti istituzioni (Arts Academy a Roma,Festival delle città a Portogruaro, Gubbio festival, Accademia ``T. Varga`` a Sion,Accademia Perosi di Biella, Associazione Napolinova).

Attualmente insegna pressola Milano MusicMaster.

Tra le varie orchestre con le quali ha collaborato da solista spiccano l' Orchestra Stabile di Bergamo `` G.Donizetti``, l'orchestra ``Accademia I Filarmonici``,L'Orchestra Sinfonica Abruzzese, l' Orchestra Sinfonica Basca, l'Orchestra del Friuli Venezia Giulia, l'Orchestra ``G. Cantelli``,la United EuropeChamber Orchestra,la Baden BadenerOrchestra, l'Ensemble Petruzzelli, I Filarmonici di Torino, la Sinfonicadi Lubiana, i Solisti Aquilani, i Solisti di Pavia, ' Orchestra Haydn di Bolzano, la Sinfonicadella Val D'Aosta, l'Orchestra Filarmonica della Scala con la quale ha interpretato con successo la kammermusik N. 5 (Concerto per viola) di P. Hindemith sotto la direzione del M. W. Sawallisch e l'Orchestra Sinfonica Cherubini con la quale ha interpretatola Sinfonia Concertantedi Mozart sotto la direzione del M. R. Muti.

Suona una viola G. Gagliano (1800) della Fondazione Pro Canale Onlus di Milano.

Enrico fagone

Contrabbasso e Direttore d¹Orchestra

``E' stato definito dalla stampa specializzata uno dei musicisti più promettenti a livello internazionale, tra i migliori del mondo e, malgrado la giovane età, la qualità e la vastità delle sue esperienze musicali (che vanno da Martha Argerich alla Juilliard school di New York) sono lì a sostenere questa affermazione. Z.G. - CdT ``

Enrico Fagone appare regolarmente nei più importanti festivals in tutto il mondo dove collabora con artisti quali Martha Argerich, Mischa Maisky, Vadim Repin, Katia e Marelle Labèque e molti altri.

Ha registrato per le etichette discografiche EMI, Deutsche Grammophon e Warner ed è ambasciatore nel mondo del ``Progetto Martha Argerich Presents``, Primo direttore Ospite della Long Island Concert Orchestra di New York e direttore artistico del Concorso Internazionale ``Giovanni Bottesini``.

Viene invitato ad esibirsi come Direttore e solista da orchestre quali Dallas Symphony Orchestra, Long Island Concert Orchestra, Mendelsshon Chamber Orchestra, l'Orchestra di Padova e del Veneto, NYSO Orchestra Nazionale Giovanile Inglese, Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra della Svizzera Italiana, Napa Valley Symphony Orchestra, Orchestra Nazionale del Paraguay, Italian Ensemble (Teatro Bellini di Catania), Bilkent Symphony Orchestra, Orchestra Municipale di Rosario, I Virtuosi Italiani ecc.

Recentemente ha diretto una serie di concerti con grande successo di pubblico e critica in Italia, Svizzera, Germania e Stati Uniti.

Da citare tra i prossimi impegni la direzione dell¹opera ``così fan tutte`` di Mozart presso l¹opera da camera di Monaco (Germania), vari concerti a New York con la Long Island Concert Orchestra e nel 2019 un importante concerto con L'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino con la leggenda vivente Martha Argerich in veste di solista.

E' docente presso il Conservatorio della Svizzera Italiana ed è regolarmente invitato a tenere masterclass nelle più importanti istituzioni mondiali quali la Juilliard School di New York, Manhattan School of Music, Jerusalem Academy, Royal Academy di Londra, Conservatorio Superiore di Parigi CNSMDP, IUNA di Buenos Aires, Royal Danish Academy di Copenhagen, Mozarteum di Salisburgo, Toho Gakuen di Tokyo.

Prima di iniziare la sua carriera come direttore d'orchestra ha avuto l'opportunità di suonare per quindici anni il grande repertorio Sinfonico e Operistico come Primo contrabbasso dell'orchestra della Svizzera Italiana e con alcune tra le più grandi Istituzioni quali, Orchestra del Teatro alla Scala, Orchestra Sinfonica di Lucerna, Orchestra del Teatro Regio, Festival Strings Lucerne, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Teatro dell'Opera di Roma, NHK di Tokio sotto la direzione di alcuni tra i più grandi direttori del nostro tempo tra cui Lorin Mazeel, Nello Santi, Myun-Whun Chung, Christian Thielemann, Bernard Haitink e Daniele Gatti.

Si diploma giovanissimo con il massimo dei voti presso il Conservatorio Nicolini di Piacenza con il M°Leonardo Colonna, perfezionandosi poi con maestri di fama internazionale fra cui Franco Petracchi e Klaus Stoll . Inoltre, ha studiato Composizione con Jorge Bosso e direzione d'orchestra alla scuola ``Claudio Abbado`` di Milano, con Daniele Agiman alla Salso Summer Class e con Jorma Panula a Helsinki (Panula Academy).

Marco Zoni

Flauto

Primo flauto dell'Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e dell'omonima Filarmonica.

Si dedica allo studio del flauto in giovanissima età diplomandosi presso il Conservatorio di Musica di Brescia; si perfeziona in seguito al Conservatorio Superiore di Musica di Ginevra conseguendo nel 1990 “Le Premier Prix de Virtuosite de Flute avec distinction”.

Nel 1991 ottiene il posto di primo flauto nell’Orchestra de “I Pomeriggi Musicali” di Milano dove ricopre il ruolo fino al 1998, anno in cui inizierà la collaborazione con il Teatro alla Scala e con la Filarmonica della Scala.

Collabora con i più grandi direttori d'orchestra del panorama musicale internazionale esibendosi nelle sale più prestigiose del mondo.
Solista apprezzato, si dedica alla musica da camera in varie formazioni; nel 2011 ha fondato l'orchestra di flauti “Zephyrus” alla quale si dedica con passione (www.orchestrazephyrus.com)

E' docente di flauto presso l'Accademia de “I Musici di Parma”.

Stefano Conzatti

Clarinetto

Diplomatosi brillantemente al Conservatorio di Bolzano nel 1981, viene subito chiamato dall’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna per la stagione lirica estiva a Ravenna e per la stagione lirica del Teatro Regio di Parma. Nel 1982 a soli 22 anni vince il Concorso per Primo Clarinetto presso l’Orchestra della Fondazione Arena di Verona, ruolo che ricopre tuttora. Ha collaborato e collabora con numerose Orchestre italiane, quali Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino,Orchestra Italiana del Cinema, Orchestra da Camera di Mantova, Orchestra Filarmonica di Torino, Orchestra della Fondazione A. Toscanini, Orchestra del Festival di Brescia e Bergamo Orchestra Filarmonica Marchigiana, Orchestra “I Musici di Parma”, Orchestra del Festival Internazionale di Brescia e Bergamo, Orchestra Filarmonica Italiana (O.F.I.), Orchestra Filarmonica Salernitana, Orchestra dei Filarmonici di Verona. La sua intensa partecipazione come concertista in numerosi complessi orchestrali da camera (trio per clarinetto e fagotto, quartetto clarinetti, quintetto fiati, quintetto con archi, sestetto ed ottetto classico) copre un vasto repertorio, dalle composizioni classiche al Novecento, fino ad esplorare il repertorio contemporaneo, anche dei giovani compositori italiani emergenti. Recentemente con l'Ensemble “That's Music” sta riportando in evidenza il repertorio della musica swing italiana degli anni 30',40', e 50' con arrangiamenti originali per Soprano Mezzosoprano Clarinetto e Pianoforte.

E’ stato docente di musica insieme fiati presso il Conservatorio di Trento (Riva del Garda), e sempre come docente collabora tra l'altro nei corsi di alto perfezionamento solistico ed orchestrale dell’Accademia dei Musici di Parma, Academy Milano Music Masterschool, della Scuola APM di Saluzzo e del Salso Summer Class.

Suona Clarinetti “Artista” dei Fratelli Patricola.

Andrea Lucchi

Tromba

Andrea Lucchi è Prima Tromba dell’Orchestra Sinfonica Nazionale dell’Accademia di Santa Cecilia da gennaio 2003 in seguito alla vincita del concorso; stesso ruolo ha ricoperto nell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI dal 1996 al 2002.

Come Prima Tromba ospite ha suonato con l’Orchestra Filarmonica della Scala, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, la NDR Sinfonieorchester di Amburgo e la SWR Sinfonieorchester di Freiburg-Baden Baden.

Iniziati i suoi studi musicali sotto la guida del padre, si diploma in Tromba a pieni voti presso il Conservatorio G. Rossini di Pesaro, dove ottiene anche il Premio ``Giuseppe Filippini`` come miglior allievo.

Momento determinante della sua formazione è stato il conseguimento del diploma di Concertista (Konzertexamen) con il massimo dei voti e la lode presso la Hochschule für Musik di Detmold in Germania, sotto la guida del Prof. Max Sommerhalder.

Invitato da organizzazioni musicali nazionali ed internazionali, ha eseguito i più importanti concerti del repertorio trombettistico: Quiet City di A. Copland (2006 – Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia), Concerto per Tromba e Orchestra di G. Tartini (2004 - I Musici di Parma; Orchestra Sinfonica di Valencia; Orchestra da Camera di San Pietroburgo per il Festival di Musica Credomatic in Costa Rica), Concerto in Mib Maggiore di J. W. Haertel (2004 - Orchestra Sinfonica di Valencia), Concerto per Tromba e Orchestra di H. Tomasi (1998 - Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI), Concerti in Re Maggiore di G. Ph. Telemann e Leopold Mozart (1996 – Musica Rara di Milano), II Concerto Brandeburghese di J. S. Bach (1995 - Musica Rara di Milano; 1999 – Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI), Concerto in Mib Maggiore di F. J. Haydn (1991 – Orchestra Sinfonica Arturo Toscanini).

Vincitore di alcuni premi nazionali ed internazionali, si è distinto nei concorsi ARD di Monaco (1997), CIEM di Ginevra (1996), Porcia (1996), Ponchielli di Cremona (1991), Stresa (1984).
Annovera, tra le incisioni radiotelevisive e discografiche, quella del Concerto per Tromba e Orchestra di H. Tomasi con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI (2003 - Editore: Video Radio Classics), La Quinta Sinfonia di Gustav Mahler con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (2004 – Musicom).

In seguito alla vincita nel 1991 del concorso ministeriale, è stato docente di tromba presso il Conservatorio ``U. Giordano`` di Foggia (1992-1994) e il Conservatorio ``A. Buzzolla`` di Adria (1994-1996).

Ha tenuto classi di perfezionamento per: l’Orchestra dei Giovani dei Paesi del Mediterraneo di Marsiglia (1999), il III Corso Internazionale di Formazione Orchestrale di Gandìa in Spagna (2004), il Conservatorio di Fermo ad Ascoli Piceno (2007 – 2008), la IV, V, VI, VII edizione del corso nazionale di perfezionamento strumentale di Sinagra a Messina (2007, 2008, 2009, 2010), il Corso di Perfezionamento strumentale di Catarroja a Valencia (2009, 2010, 2011), la Masterclass strumentale di Castrocaro Terme (2009), e i Corsi di alto perfezionamento per Tromba denominati ‘I Fiati’ dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (2009-2010, 2010-2011, 2011-2012). Dal 2012 è docente presso l’Accademia I Musici di Parma a Salsomaggiore Terme (PR).

Margherita Colombo

Direttrice d’orchestra, pianista e compositrice

Ha conseguito il diploma in Pianoforte sotto la guida del M° Mario Boselli nel 2001 per proseguire gli studi di perfezionamento con il M° Paolo Bordoni presso l’Accademia Musicale Pescarese e frequentando masterclass in Italia e all’estero con docenti quali Aldo Ciccolini, Jeffrey Swann, Joachim Achucarro, Sergio Perticaroli.

Nel 2004 frequenta il corso di perfezionamento per Professori d’orchestra dell’Accademia del Teatro alla Scala di Milano, scoprendo parallelamente la passione per l’opera che la porta a completare con successo nel 2007 il Biennio per Maestri collaboratori presso il Conservatorio G.Verdi di Milano sotto la guida di Umberto Finazzi, ottenendo il massimo dei voti con lode e menzione speciale.

Contemporaneamente porta a compimento gli studi di Composizione con il M° Delli Pizzi ottenendo il diploma nel 2009 con il massimo dei voti e di Direzione d’orchestra sotto la guida del M° Daniele Agiman nel 2010.

Come maestro collaboratore ha l’opportunità di lavorare dal 2006 presso prestigiosi festival, teatri ed enti lirici in Italia, Svizzera, Portogallo, Albania, Germania, Cina e Giappone; di particolare rilievo sono le esperienze presso il Teatro Donizetti di Bergamo, il Teatro Sao Carlos di Lisbona, il Theater Nordhausen, il Teatro Nazionale di Tirana e l’Opera di Lipsia in qualità sia di pianista che di direttrice d’orchestra.

Dal 2016 è 1. Kapellmeisterin presso il Landestheater Niederbayern (Germania) dove assume la direzione musicale di alcune nuove produzioni (Wally di Catalani, Il barone zingaro di Strauss, Il mondo della luna di Haydn, Il conte di Lussemburgo di Lehar) e concerti sinfonici. La sua attività da direttrice d’orchestra inizia nel 2008 con la direzione di numerosi ensemble e orchestre in produzioni liriche e sinfoniche tra cui ricordiamo la Loh-Orchester Sondershausen (Germania), l’Orchestra Nazionale dell’Opera di Tirana (Albania), l’orchestra Gewandhaus di Lipsia e la Niederbayerische Philarmonie (Germania). Tra le sue ultime produzioni liriche, oltre a quelle già citate, ricordiamo Wiener Blut (Strauss), Traviata (Verdi), Il flauto magico (Mozart), Der kleine Prinz (Hoffmann), Pinocchio (Valtinoni), Boheme (Puccini), Orfeo ed Euridice (Gluck), Il signor Bruschino, La scala di seta e il Barbiere di Siviglia (Rossini), L’histoire du soldat (Stravinskij), L’opera da tre soldi (Brecht-Weill).

Come compositrice, Margherita Colombo ha in attivo diverse composizioni per voci ed ensemble (“Fiore lunare”, “Fanciulle che hanno pianto da poco”), musica da camera e sinfonica (“Possession”, “Quattro stagioni”, “Shahrazad”), coro (“Domina”, “Piccole liriche di mezza estate”, “Haiku”), pianoforte (“Shahrazad”) e chitarra (“Studietti” e “Chimera”) che vengono eseguite principalmente in Italia e Germania; si dedica inoltre con passione alla realizzazione di arrangiamenti e adattamenti di opere del grande repertorio per pubblico ed esecutori giovanissimi (tra i progetti più recenti si ricordano le sue rielaborazioni per orchestra giovanile ispirate a “Il flauto magico” e “West side story” per Vacanze Musicali).

Marco Spotti

Cantante - Basso

Nato a Parma, ha conseguito il diploma a pieni voti in canto lirico presso il Conservatorio Arrigo Boito nella sua cittá natale. È stato vincitore di numerosi concorsi lirici internazionali tra i quali il Concorso Riccardo Zandonai di Riva del Garda, il Concorso Voci Verdiane di Busseto, il Concorso Viotti-Valsesia e Sanremo. La sua carriera inizia proprio al Teatro Regio di Parma con il debutto in palcoscenico con una produzione di UN BALLO IN MASCHERA e in breve tempo è ospite in molti teatri italiani ed internazionali. Nel 2003 fa il suo debutto al Teatro alla Scala di Milano come Arcas in IPHIGENIE EN AULIDE sotto la direzione musicale di Riccardo Muti. Da allora si esibisce regolarmente nel teatro milanese interpretando Sparafucile/RIGOLETTO con James Conlon, Il Re/AIDA con Riccardo Chailly e Daniel Barenboim, Ramfis/AIDA e Wurm/LUISA MILLER con Gianadrea Noseda, Loredano/I DUE FOSCARI, Timur/TURANDOT con Valery Gergiev e Colline/LA BOHEME con Gustavo Dudamel. Grazie al suo timbro scuro e all´emissione generosa ed elegante, Marco Spotti si afferma in breve tempo come uno dei bassi Verdiani piú richiesti. Debutta Procida/VESPRI SICILIANI al Teatro Massimo di Palermo, come Ramfis/AIDA si esibisce all´Opera di Roma con Daniel Oren, all´Arena di Verona ed al Palau des Les Artes di Valencia con la direzione di Lorin Maazel e Omar Wellber, a Tel Aviv con la Israel Philharmonic Orchetra diretta da Zubin Mehta, a Napoli al Teatro di San Carlo ed al Teatro alla Scala di Milano. Ha debuttato Alvise/LA GIOCONDA al Teatro Goldoni di Livorno, opera cantata poi anche all’Arena di Verona, al Teatro Bellini di Catania ed al Greek National Opera di Atene. Ha interpretato successivamente Banquo/MACBETH al Maggio Musicale Fiorentino e al Teatro Perez Galdos di Las Palmas; Sparafucile/RIGOLETTO alla Fenice di Venezia con Myung-Whun Chung, all´Opera di Bilbao, al Festival Verdi Parma, al Teatro Real di Madrid, al Semperoper di Dresda, al Palau Les Arts di Valencia; Massimiliano/I MASNADIERI a Las Palmas e al Teatro Comunale di Bologna con la direzione di Gatti, Loredano/I DUE FOSCARI al Theatre Champs Elysees di Parigi e al Teatro Comunale di Piacenza. In concerto ha interpretato MESSA DA REQUIEM di Verdi al Festival di Macerata e con l’Orchestra Sinfonica di Göteborg in Svezia e lo STABAT MATER di Rossini al Festival di Rheingau in Germania, la NONA SINFONIA di Beethoven al Teatro dell´Opera di Roma e al Teatro Lirico di Cagliari e come Tiresias/OEDIPUS REX di Stravinsky con L´Orchestra Accademia di Santa Cecilia a Roma.
Nelle ultime stagioni ha fatto numerosi debutti tra cui ricordiamo: Royal Opera House Covent Garden di Londra con Commendatore/DON GIOVANNI, Pimen/BORIS GODUNOV al Teatro Massimo di Palermo, Timur/TURANDOT al Festival di Orange, Grande Inquisitore/DON CARLO al Teatro Regio di Torino, al Teatro Carlo Felice di Genova, al Palau Les Arts di Valencia, Walther/GUILLAUME TELL all´Opera di Amsterdam, alla Monnaie di Bruxelles, al Metropolitan Opera di New York, Basilio/IL BARBIERE DI SIVIGLIA al Teatro Colon di Buenos Aires e al Gran Théatre de Geneve, Oroveso/NORMA al Teatro Massimo di Palermo. Con il maestro Pappano ha partecipato ai concerti e registrazione di AIDA con l´Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia ed alla produzione di KRÓL ROGER di Karol Szymanowski. Negli ultimi anni si è dedicato sempre al repertorio in contesti nazionali ed internazionali come Ramfis/AIDA a Seoul, Wurm/LUISA MILLER al Teatro San Carlo di Napoli, al Festival di Primavera a Budapest ed al Gran Theatre del Liceu di Barcelona, Timur/TURANDOT e Papa ClementeVII/BENVENUTO CELLINI all´Opera di Roma, Re/AIDA alla Bayerische Staatsoper di München, EnricoVIII/ANNA BOLENA al Teatro Regio di Parma e debuttato Fiesco/SIMON BOCCANEGRA al Teatro Carlo Felice di Genova. Tra gli ultimissimi successi ricordiamo Papa Clemente VII/BENVENUTO CELLINI all’Opera di Parigi, Fernand/Le TROUVÈRE al Verdi Festival 2018 con il maestro Abbado, il debutto del ruolo di MEFISTOFELE di Boito al Bunkamura Orchard Hall di Tokyo, sotto la guida del maestro Battistoni nel Novembre 2018. Successivamente è Ferrando/TROVATORE al Teatro Comunale di Bologna. Nel Settembre 2019 debutta il ruolo di ATTILA con il maestro Renzetti al Teatro Lirico di Cagliari. A Dicembre del 2019 partecipa all’inaugurazione della stagione del Teatro la Fenice di Venezia interpretando Grande Inquisitore/DON CARLO diretto dal maestro Myung-Whun Chung Nel febbraio 2020 è impegnato in Don Basilio/IL BARBIERE DI SIVIGLIA al New National Theatre di Tokyo. A seguito dell’Emergenza COVID-19 tutti i restanti impegni del 2020 sono stati cancellati, tra cui: Don Basilio/IL BARBIERE DI SIVIGLIA alla Semperoper di Dresda, Sparafucile/RIGOLETTO alla Staatsoper Hamburg, il debutto del ruolo di Walter/LUISA MILLER al Teatro lirico di Cagliari, Banquo/MACBETH alla Grieghallen di Bergen, Timur/TURANDOT al Teatro Petruzzelli di Bari ed al Teatro dell’Opera di Roma.
Numerose le registrazioni dell´artista: DVD MARIN FALIERO con Ottavio Dantone (Hardy Classic 2002), TOSCA diretta da Maurizio Benini (BBC-OPUS ARTE) e da Daniel Oren con Arena di Verona (UNITEL Classica), AIDA prodotta dalla Scala e diretta da Riccardo Chailly (UM 2007). Come CD audio sono apparsi SADKO di Rimsky-Korsakov con l´Orchestra del Teatro La Fenice diretta da Isaac Karabtchevsky (Mondo Musica 2001), IL MITO DI CAINO (Bongiovanni 2003), DON GIOVANNI con la Israel Philharmonic Orchetra diretta da Zubin Mehta (HELIKON 2011), AIDA e LA BOHEME prodotte dall´Arena di Verona dirette da Daniel Oren e Lui Ja e AIDA con Antonio Pappano e l´Orchestra di Santa Cecilia (Warner 2015), DVD de LE TROUVÈRE diretta da Roberto Abbado/ Bob Wilson (Dynamic 2019).

SALSO SUMMER CLASS & FESTIVAL

Iscrizioni alle Masterclass per l’anno accademico 2021

 

Regolamento Masterclass a.a. 2021